BRAND COMMUNICATION: COME PARLARE AI CONSUMATORI DURANTE L’EMERGENZA

17 Aprile 2020

La comunicazione dei brand ricopre un ruolo decisamente importante nella conquista della fiducia dei consumatori italiani durante l’emergenza: lo svela la ricerca “Brand Trust and the Coronavirus Pandemic” realizzata da Edelman, sul ruolo del settore privato durante la pandemia.

Tra i risultati di spicco, figura il fatto che Il 92% degli italiani ritiene opportuno che i brand debbano aiutare le categorie maggiormente in difficoltà offrendo loro prodotti gratuiti o a prezzi fortemente scontati, mentre l’80% desidera essere informato su quali azioni le aziende stiano intraprendendo per supportare e proteggere consumatori e dipendenti.

In particolare gli italiani desiderano che le aziende diventino fonte d’informazione affidabile sul virus, e li informino quotidianamente sui progressi compiuti per combatterlo, chiedendo anche ai brand di assumere una funzione educativa, di supporto, proponendo modalità di protezione.

Per coloro invece che si dedicano alla pubblicità, una chiara maggioranza dei consumatori si aspetta che quest’ultima offra un contributo positivo alla società: dovrebbe cioè, comunicare come il marchio sia utile nella nuova quotidianità, comunicare informazioni circa la prevenzione e il contenimento del virus, ed utilizzare una comunicazione dai toni rassicuranti.

La strategia di comunicazione dei brand, dunque, va adattata di giorno in giorno, in uno scenario in rapida evoluzione. Le aziende dovrebbero cercare di utilizzare tutti i mezzi a disposizione per essere vicine alle persone che hanno riposto fiducia in loro.

Ruolo importante assumono i canali d’informazione: i media tradizionali vengono affiancati in maniera preponderante dai social media. L’87% degli italiani infatti, chiede ai brand di utilizzarli per creare un senso di comunità e offrire supporto ai consumatori.

A fronte di tutto ciò, una grande priorità per le aziende è: “pensare alla persona” e non immaginarla solo in qualità di consumatore. In particolare occorre esserci in modo contestuale, senza far finta di niente, bisogna riconoscere il momento, offrire soluzioni concrete, utilizzare una comunicazione emotiva, trasparente ed empatica, che sancisce la vicinanza delle Aziende con il Consumatore.

È una sfida che comporta grande impegno e responsabilità, ma dalla quale dipende il rapporto di fiducia con i consumatori e di conseguenza la reputazione presente e futura delle aziende. Secondo la ricerca infatti, 1 italiano su 4 ha già deciso di penalizzare quei brand che non hanno agito in maniera appropriata in risposta alla pandemia. Al contrario 1 italiano su 3 ha iniziato ad utilizzare un nuovo brand proprio in conseguenza all'approccio innovativo e all'impegno sociale profuso da alcune aziende.

Prepararsi a ripartire, significa saper riconnettere il brand e i suoi valori ai bisogni delle persone, delle comunità, del Paese, dell’ambiente.

Per ripartire al meglio domani, occorre lavorare oggi su competenza, conoscenza e autorevolezza.

È un momento, questo, in cui i brand devono attivarsi direttamente, esponendosi per assumere un ruolo di responsabilità e continuare a farlo con consapevolezza e impegno anche in futuro.

 


Our certifications.

//