Social, mobile e realtà virtuale: le big tech investono nei videogiochi

03 Giugno 2018

Da Apple a Facebook, da Amazon a Tencent, le mosse dei colossi per assicurarsi un posto al sole nell’industria del gaming. Tra nuove tecnologie e finanziamenti all’esport

C’è un mercato che continua a registrare numeri in crescita: è quello dei videogiochi. Secondo uno studio realizzato da Digi-Capital, varrà oltre 200 miliardi di dollari nel 2021. In Italia già oggi ha sforato il tetto del miliardo. E il business ha attirato nel tempo l’interesse dei colossi del tech, come Apple, Amazon o la cinese Tencent nel settore videogiochi continua a crescere di anno in anno.

L’ultimo investimento in ordine di tempo nel segmento dei videogiochi arriva da Google. Come spiega Bloomberg, Big G ha appena lanciato una nuova startup per il social gaming. Si chiama Google Arcade e nasce all’interno di Area 120, l’incubatore di casa Alphabet che finanzia la crescita di nuovi talenti e idee interne alla società.

Del resto, mobile e social gaming sono i comparti in maggiore crescita negli ultimi mesi. Per la prima volta, nel 2017, il settore del mobile gaming ha superato i 50 miliardi di dollari di vendite, contro i 30 dei giochi per console. E nel 2021 potrebbe valere 80 miliardi.

Come ha dichiarato a Tech Crunch lo sviluppatore Zach Gage, creatore di diversi titoli di successo per smartphone, come il fortunato Spelltower, durante la Game Developers Conference 2018 dello scorso marzo, “i giochi non hanno mai avuto la portata che hanno ora”. E secondo Gage “il merito è dell’App Store e di questi dispositivi magici che sono ormai nelle tasche di tutti”.

Fonte: wired.it